Casale San Giorgio

Casale San Giorgio

Sperimentiamo per essere sempre i migliori, perché le cose preziose non si trovano ovunque

__________________

Dieci ettari di uliveti ad alta densità nell’agro pontino, nel Lazio; un paesaggio inatteso e bellissimo.

è così che si presenta Casale San Giorgio. Un recupero a nuova vita produttiva di un territorio agricolo ormai abbandonato. Dopo gli anni dell’allevamento del bestiame e gli anni della coltivazione di fieno e grano questo luogo aveva bisogno di nuova energia.

E così a Casale San Giorgio sono stati impiantati dieci ettari di uliveto sperimentando una tecnica nuova, quella della coltivazione ad alta densità. Hanno recuperato la casa padronale e il fienile; la stalla è stata trasformata in un magnifico frantoio.

Ora questo luogo ha una nuova missione: la produzione di extravergine di grande qualità. E ancor più innovativa è la via che hanno scelto per raggiungere i nuovi obiettivi.

“Per noi l’alta densità è la via per la qualità e non per la quantità. è un modo di valorizzare i frutti di questo territorio. L’alta densità abbinata ad un frantoio di proprietà  immerso nell’uliveto ci consente di raccogliere e frangere le olive in brevissimo tempo, un modo per ottenere il migliore extravergine possibile”.

Una coltivazione bellissima, un frantoio ipertecnologico, un’azienda energeticamente autosufficiente, un luogo pieno di sentimento. Tutto questo rende l’Azienda Casale San Giorgio e la sua produzione di extravergine una realtà estremamente affascinante.

E questo è un luogo dove si trovano cose preziose.

L’abbiamo scelto perchè...

Tante sono le strade che conducono all’eccellenza; tutte hanno in comune l’amore per la propria terra, la competenza e la passione. E tutto questo, condito con un pizzico di originalità, si ritrova negli extravergini di Casale San Giorgio

Inviato il 14/02/2018 da comolio Olio Vero 149

Comolio è:

Cerca tra le eccellenze Comolio

Confronta 0
Prec
Succ

Nessun articolo presente

Nessun articolo presente Spedizione
0,00 € Totale

Check out